More than a Skischool

Sciare nelle Dolomiti - Vacanze nel patrimonio naturale mondiale UNESCO


L'UNESCO è rimasta incantata dalle bellezze delle Dolomiti. Innalzatesi 250 milioni di anni fa dalle profondità del mare primordiale, le Dolomiti sono state modellate dall'azione instancabile della natura, vera autrice di questo capolavoro. Formazioni rocciose scolpite dall’acqua, dal vento e dal ghiaccio nel corso dei millenni, che si colorano di toni inimitabili e che variano nell'arco della giornata. Al tramonto, le Dolomiti si accendono di un rosso fuoco, per passare poi al viola, prima di spegnersi nella notte – è l'Enrosadira, fenomeno accentuato dalla particolare composizione geologica della Dolomia.

Uno spettacolo della natura che non conosce paragoni. Fu il geologo francese Deodat de Dolomieu a definire nel 1791 la composizione mineralogico-chimica della roccia dolomitica. Nel 1864 il pittore inglese Josiah Gilbert e il naturalista George Churchill pubblicarono il rapporto di viaggio dal titolo “The Dolomite Mountains”.


In data 26 giugno 2009 a Siviglia, in occasione del suo 33. congresso annuale, l’UNESCO ha inserito le montagne calcaree situate nel Nord est dell’Italia nella lista dei paesaggi più belli del mondo. Con questo atto le Nazioni Unite hanno riconosciuto ufficialmente tramite la propria organizzazione per l’educazione, la scienza e la cultura le peculiarità e l’unicità delle Dolomiti, che adesso sono a ragione patrimonio naturale dell’umanità. L’UNESCO cura un elenco mondiale di paradisi e tesori naturali protetti, ritenuti di particolare valore. Una commissione apposita ha valutato i criteri e espresso giudizio favorevole con la motivazione che le Dolomiti sono considerate tra i paesaggi alpini più belli al mondo, pur non essendo le vette più alte e i ghiacciai più vasti. Tra i pregi sono stati elencati la straordinaria bellezza, la particolarità geologica e la ricchezza della flora. Le Dolomiti sono tra i 50 paesaggi più belli d’Europa e tra i 199 più belli al mondo. Ne fanno parte il gruppo del Pelmo e Croda da Lago, il massiccio della Marmolada, le Pale di San Martino, le Pale di San Lucano con le Dolomiti bellunesi, le Dolomiti friulane e d’Oltre Piave, le Dolomiti di Sesto e d’Ampezzo, i parchi naturali di Fanes, Sennes e Braies, del Puez Odle e il gruppo Sciliar, Catinaccio e Latemar, le Dolomiti di Brenta e il Rio di Foglio. In Italia le Dolomiti sono il secondo patrimonio naturale accanto alle Isole Eolie, inserite dall’UNESCO nel 2000.